Progetto

L'autorecupero e' un processo edilizio che, non discostandosi sul piano normativo da un cantiere tradizionale, consente a qualsiasi cittadino anche non esperto, di costruirsi casa ristrutturando edifici già esistenti, insieme ad altri uomini e donne che condividono lo stesso obbiettivo e lo stesso progetto.

L'autorecupero è un processo associato perché prevede la costituzione in cooperativa edilizia dei diretti beneficiari e, sopratutto, perché richiede ai partecipanti al progetto una buona capacità di lavoro in gruppo e di fiducia nel prossimo.
La cooperativa edilizia di cittadini autorecuperatori viene poi assistita ed accompagnata lungo tutto il processo da un ente gestore che, apportando il necessario bagaglio esperimentale sia sul piano tecnico che sociale ed amministrativo, garantisce che il progetto resti fedele ai costi preventivati e ai tempi di realizzazione programmati.

Nel mese di luglio 2015 il Comune di Bologna ha approvato i progetti edilizi delle prime 20 unità abitative. Il Comune cederà il diritto di superficie per 99 anni. Il titolare del diritto di superficie stipulerà con il Comune di Bologna una convenzione che gli assicurerà libera disponibilità dell'immobile e regolamenterà il modo in cui potrà venderlo, lasciarlo in eredità ed ipotecarlo.
I vantaggi della cessione del diritto di superficie possono essere così sintetizzati: 
  • il diritto di superficie è equiparato al diritto reale di proprietà, per cui consente l'accesso al mutuo ipotecario e al preammortamento, cioè alla possibilità di disporre dei soldi necessari durante il periodo di ristrutturazione degli immobili, iniziando a restituirli alla banca una volta entrati nelle case;
  • l'alloggio in diritto di superficie può essere venduto come un alloggio in proprietà; i vincoli e le condizioni di vendita saranno definiti nel contratto che regolerà la cessione del diritto di superficie una volta assegnati gli alloggi;
  • la concessione in diritto di superficie risolve le richieste di garanzia avanzate dagli istituti di credito in caso di prestiti personali;
  • nella concessione attuale per 99 anni si ha il pieno godimento dell'immobile e si paga al momento dell'assegnazione il costo previsto dalla delibera comunale per la concessione onerosa;
  • il corrispettivo versato per la costituzione del diritto di superficie sarà reimpiegato dal Comune per aumentare le opportunità abitative in città.